Mercoledì, 20 Aprile 2016 08:03

Come utilizzare gli oli essenziali

Scritto da 

Tra i prodotti erboristici ci sono gli oli essenziali, ma come utilizzarli al meglio senza rischi per la salute?

Gli oli essenziali sono un aiuto per la salute, ma dobbiamo conoscerli e sapere come usarli. E’ la stessa medicina ad affidarsi agli oli essenziali, prodotti a base di ingredienti presi dal mondo botanico ed utilizzati per creare dei concentrati dal potere curativo per corpo e mente, ma perchè abbiano un effetto beneficio dobbiamo imparare ad utilizzarli correttamente.

Come prima cosa dobbiamo acquistarli come prodotti erboristici, ovvero prodotti di qualità, accertandoci che la lista INCI sia priva di ingredienti potenzialmente nocivi.
Come prima cosa  è bene ricordare che gli oli essenziali non andrebbero assunti per via orale, salvo diversa indicazione medica.
Se l’erborista ci ha prescritto una posologia, dobbiamo attenerci a quanto ci è stato detto. Dosaggi eccessivi o uso errato possono infatti creare problemi di varia natura, compresi nausea, vomito e, nel caso di utilizzo sbagliato prolungato, anche danni ai reni.
Attenzione anche all'interazione di alcuni oli essenziali con i farmaci; sempre il medico ci può dire se possiamo usarli con tranquillità anche in caso di gravidanza o allattamento.
Nessun problema per quanto riguarda l’aromaterapia: versando poche gocce di olio nel brucia essenze o nel fornelletto si scaccia via stress, agitazione e anche cattivi odori da casa in modo più sicuro e naturale.

Quali sono le migliori tisane per dormire bene?

Sono prodotti erboristici, le tisane che ci aiutano a migliorare il riposo notturno: malva, verbena, finocchio e ortica sono un ottimo alleato per rilassare il corpo e anche la mente, ne basta una tazza dopo cena. Dove acquistarle? Prova a far un giro su Armonianaturopatia.it, sito ricco di offerte e prodotti naturali di prima qualità.

Come combattere l’insonnia primaverile

L’insonnia primaverile è abbastanza diffusa, soprattutto a causa del cambio dell’ora che non favorisce sicuramente il buon riposo. Si verifica una condizione simile a quella del jet lag: la sera non si ha voglia di andare a letto e la mattina si fatica ad alzarsi, con il risultato che durante l’arco della giornata ci si sente stanchi e si fatica a riposare. Per questo motivo si ricorre alla tisana, che ricordiamo, non ha nulla a che vedere con l’effetto del farmaco, e di conseguenza si può parlare di “effetto più leggero”.
In questo caso la tisana serve per aiutare a prendere sono più facilmente e rappresenta un “diversivo” alla Camomilla che, come ormai è noto, se si esagera nelle quantità può causare l’effetto opposto.

Mentre per depurare l’intestino dalle tossine?

Per depurare l’intestino dalle tossine si può provare con la tisana alla Senna, una pianta erbacea dalle molteplici proprietà. A livello medico aiuta a risolvere problemi di costipazione e a depurare il colon dalle tossine.
Si può chiedere all'erborista di acquistare esclusivamente le foglie essiccate per fare una tisana calda in casa. Se si sceglie questa opzione bisogna mettere a infondere mezzo cucchiaino di Senna ogni mezzo litro d'acqua bollente e lasciare per dieci minuti prima di filtrare e bere.

 

Letto 760 volte Ultima modifica il Mercoledì, 20 Aprile 2016 09:42