Mercoledì, 12 Luglio 2017 07:43

I rischi dell’edentulia

Scritto da 

L’equilibriodonzia è il termine con cui ci si riferisce alla recente evoluzione della dentosofia che porta dalla salute della bocca alla salute dell’intero organismo.

L’equilibriodonzia soddisfa l’esigenza di riarmonizzare la bocca in funzione del resto del corpo ed è la risposta alle domande degli odontoiatri alle risposte posturali. Grazie ad essa si sono ampliati gli orizzonti nella direzione di una collaborazione fra odontoiatri, osteopati e logopedisti ha permesso di approfondire l'equilibriodonzia.

Una bocca in equilibrio è sinonimo di una persona anch’ella in equilibrio con sè stessa e con gli altri. E’ fondamentale abituare la lingue a stare sul palato per favorire la respirazione nasale.

I nostri denti dicono chi siamo

La nostra bocca esprime in parte le nostre emozioni, rivela il nostro stato d’animo e tratti della nostra personalità. Non esistono denti uguali, ecco perchè ognuno di essi è in grado di esprimere una parte di ciò che siamo. Questo è anche il motivo che spiega come certe persone siano più vulnerabili di altri a prescindere dall’igiene dentale.

Il metodo può essere applicato a tutte le età, anche se i risultati migliori si ottengono prendendosi cura dei denti fin da bambini.

Prima di parlare di equilibriodonzia, si parlava di dentosofia, che in Italia arrivò in maniera ufficiale nell’anno 2004. Ciò ha portato ad una vera e propria evoluzione e sempre più spesso si è cercato di porre maggiore attenzione agli aspetti scientifici, approfondendo i tempi della rieducazione funzionale e della postura, ovviamente senza rinnegare la visione olistica e i suoi principi, ecco perchè si preferisce parlare di equilibriodonzia.

Equilibrio e armonia

L’equilibriodonzia è equilibrio e armonia, un percorso che nasce dalla maggior consapevolezza che le  malocclusioni sono legate a un’alterazione delle funzioni del cavo orale che a sua volta ha profonde ripercussioni sulla postura e sulla salute generale.

Lo sviluppo della bocca è determinato dalle sue funzioni, organizzate a partire:

  • dalla tredicesima settimana di vita intrauterina, con l'inizio della deglutizione;
  • dalla nascita, con la respirazione e la suzione;
  • dalla comparsa dei denti decidui, con la masticazione.
  • Studi e ricerche, hanno permesso di osservare una relazione sistematica tra una bocca disequilibrata e svariate patologie, quali:
  • cefalee
  • quadri dolorosi del rachide e delle articolazioni
  • dislessia, deficit di attenzione e iperattività
  • malattie della sfera ORL
  • roncopatie e apnee notturne
  • problematiche allergiche
  • disturbi dell’equilibrio

Dal punto di vista terapeutico l’equilibriodonzia si avvale di dispositivi funzionali   mobili non invasivi, che rappresentano l’evoluzione più attuale.

Equilibriodonzia e bambini

L’equilibriodonzia si rivolge anche ai bambini ed ai soggetti giovani, si tratta di un approccio che serve a ristabilire l’ottimale stato di salute.

Fin dai tre anni di età, i piccoli pazienti possono risolvere qualsiasi sindrome malocclusiva ottenendo ottimi risultati estetici, funzionali e strutturali, nel pieno rispetto della fisiologia del giovane paziente e stabili nel tempo. Questo significa che è fattibile migliorare la struttura della bocca, modificando le funzioni ad essa correlate: respirazione, fonazione, masticazione, deglutizione.

Un ruolo importante è quello che svolge la lingua, riconosciuta come il grande apparecchio ortodontico che noi tutti abbiamo a disposizione. La lingua infatti è formata da 17 muscoli e restando nella sua posizione corretta, sullo spot palatino, permette di avere il giusto equilibrio in tutto il corpo.

Letto 61 volte Ultima modifica il Mercoledì, 12 Luglio 2017 16:03
Altro in questa categoria: « Come utilizzare gli oli essenziali